Fashion Cafè di Lumezzane

Barbara

Ho conosciuto Walter grazie ad un amico comune.
Nella sua “trasferta” cremonese l’abbiamo portato al Juliette, con Luca Pizzi quella sera le feste e le parole fra i due sono state interminabili (temevo scattasse il giro di lingua).

Il feeling da parte mia è stato immediato. Ma, d’altra parte, come non andare d’accordo con una persona vulcanica e simpatica come Walter? Ci siamo salutati con la promessa di una cena alla riapertura/inaugurazione del suo locale, il Fashion Cafè di Lumezzane (ogni due anni, alla chiusura di agosto, viene rinnovato quasi interamente).

Il Fashion Cafè esiste da 14 anni e nel corso del tempo ha continuamente cambiato pelle, non solo esternamente. Ora è un posto da “godere” a 360°, dalla colazione del mattino, all’acquisto di pane, salumi e prodotti di primissima qualità, agli aperitivi, le cene, gli eventi speciali e creati ad hoc.

Ieri la promessa, alla fine, è stata mantenuta.
Mi accompagna “l’amico comune” di Capriano City.
L’accordo è che io lo raggiunga a casa sua. Mi fornisce le info del caso per arrivarci… mi presento quaranta minuti dopo, causa 20 km in più fatti inutilmente. Si, mi sono clamorosamenre persa. Ma il mio pessimo senso dell’orientamento è noto a tutti.

Tempo di salutarci e partiamo alla volta di Lumezzane.
Ci fai ancora da mangiare se arriviamo tardi o andiamo in pizzeria?”, lo chiama sorridendo l’amico di Capriano. “Qui la cucina è aperta fino a mezzanotte“, risponde Walter.

Ragazzi.. se Walter è vulcanico fuori, nel suo Risto/bar/negozio è una forza della natura. Mi fa più feste che il padre del figliol prodigo al suo ritorno. Partiamo con l’aperitivo, uno spritz Campari pesantissimo fatto dal mio accompagnatore (barman, fra le altre cose). Voleva esagerare il ragazzo? Beh ci è riuscito.

La serata da qui assume contorni sfumati. Mi sento rilassata e perfettamente a mio agio. Sul bancone, coperto da un’unica asse di legno (idea molto raffinata), sono sfarse cibarie varie, tutte scelte con cura, qui vale la regola aurea: la qualità della materia prima è tutto!!.

Dopo mille chiacchiere amichevoli riusciamo ad ordinare a Walter la nostra cena.
Ci accomodiamo ad un tavolo preparato per noi. Il rinnovamento quest’anno prevede robusti tavoli da falegname restaurati con il top in vetro. L’unione dei due elementi, apparentemente distanti, crea un contrasto davvero piacevole.

Nonostante entrambi fossimo un tantino ko per lo spritz (anche “l’amico“.. tiè la prossima volta stai più leggero) ordiniamo una boccia di brut, delizioso. Come deliziosa è tutta la cena.

Ci serve al tavolo Loris, il figlio di Walter. Più riservato di lui, ma con il medesimo senso dell’accoglienza e della buona ristorazione, il DNA non mente. Fa tenerezza notare con quanta passione voglia seguire i dettami e le orme del padre.. a mio avviso ci sta riuscendo perfettamente.

Saluto Walter con affetto sincero.
Mi sono sentita a casa, grazie“, sottolineo.
Il segreto è questo, io conosco per nome ogni persona che c’è qui“.
Si, è proprio questa la differenza. Bravo Walter!

Bustling B., Walter e Miriam
Image and video hosting by TinyPic
Mi piace:

  • Il nuovo arredamento, davvero raffinato
  • La qualità della materia prima
  • Menzione d’onore: Miriam, la cameriera più dolce, preparata ed umile della ristorazione Italiana.
Image and video hosting by TinyPic
Non ci piace:
  • Caro Walter, se rinnovi spesso il locale devi anche aggiornare il sito internet
  • Pochi tavoli
  • Non c’è la targhetta “toilette” fuori dal bagno ( nemmeno la divisione uomini/donne). Sembra una porta normale, temevo di sbagliarmi.

Fashon Cafè

Dove: Via Montini Virgilio 151, Lumezzane (Bs)
Quando: Lun-ven 10,00/1,00 Sab-dom 16,00/2,00
Info: 030 5238127

/ 156 Articles

Barbara

Sono cremonese ma adottata da un piccolo paese a sud di Brescia: Capriano del Colle. Il mio lavoro è incentrato interamente sulla comunicazione. Vivo di parole, mi nutro di pensieri. Dedico questo blog alla mia fan più sfegatata, l’antesignana del coordinato scarpa/borsa, la teorica del rossetto rosso in ogni occasione, perché so che anche da lassù fa il tifo per me… Nonna Lina, grazie per avermi reso la donna che sono...

Leave a Comment

Your email address will never be published or shared and required fields are marked with an asterisk (*).

Connect with Facebook