Mummificati al Seconda Classe

Barbara
Dal web

Per dovere di cronaca Bustiling B. non poteva non passare dal Seconda Classe a Brescia.
Scatta quindi la richiesta via whatsapp agli amici cremonesi. Rispondono positivamente Lara e Claudiana.
Chiediamo a Marco qualche info e ci suggerisce di arrivare verso le 23.

Io e lui arriviamo in zona all’orario stabilito ma scatta subito un problemone non indifferente: il parcheggio, inesistente… Anche Lara ha difficoltà e non essendo pratica di Brescia mi chiama quasi in lacrime: “dove la lascio la macchina? sto facendo delle manovre da denuncia e non so dove sono“. La indirizzo al parcheggio del PalaGiustizia, dove l’aspettiamo. Dopo un secondo arriva. Possimamo dirigerci, traballanti su tacchi altissimi, verso il famoso giovedì al Seconda Classe.

Lara, Claudiana e Bustling B.

Davanti all’entrata ecco il secondo problema: un muro umano. Attendiamo pazientemente e poi entriamo.
Il posto è molto, molto particolare: bancone centrale con un sistema di rotaie posto sopra ed un trenino che gira in torno (detta così non rende, lo so, spero che si capisca dalla foto). La gente è tanta ma è possibile ancora muoversi in autonomia. Facciamo un giretto sul soppalco dove c’è il ristorante e poi ci fiondiamo al bar, Black Moijto per tutti. Nel frattempo il gruppo dal vivo sta facendo il suo dovere: coinvolge la massa. Marco inizia a ballare tipo Pulp Fiction, ha la musica nel sangue il ragazzo!!

Fra un balletto e l’altro saluta a destra e a manca, è il suo ambiente, io sono un po’ un pesce fuor d’acqua. Trova anche il suo caro amico Daniele che, insieme ad un’altro ragazzo, rimane con noi a bere, ridere e fare i cretinetti (e che vuoi fare in una discoteca?).

Percepisco che il numero di persone presenti nel frattempo sta raggiungendo livelli esponenziali. Ne ho la certezza quando decidiamo di fare un giro, mi sembra di essere pigiata come ad un concerto davanti al palco, mi manca l’aria. Se al Bella Gente parlavo di giri/struscio qui li definirei giri/amplessototale.

ORE 23,30, la gente è ancora accettabile

Mi ritrovo costantemente con le tette attaccate a qualcuno, la faccia a due centimetri dalla faccia di qualcun’altro. Mi azzardo ad alzare un braccio, coinvolta dalla musica, e non risco più a rimetterlo al suo posto, lo lascio in alto. Finalmente torniamo alla nostra postazione iniziale e non ci muoviamo più da li.

Quindi direi che, se l’intento è quello di vedere e conoscere gente qui è un po’ difficile, nel senso che, pur essendoci una marea di umanità, tendenzialmente tutti stanno al loro posto. Quindi o si arriva con la propria compagnia e ci si diverte insieme o bisogna essere fortunati a capitare con dei “vicini” simpatici (tipo quando si arriva in una carrozza del treno, può capitarti chiunque).

All’una circa, attraversando l’aggrovigliata giungla di persone tipo Indiana Jones (forse un machete sarebbe stato utile), guadagnamo l’uscita. Esperienza fatta. Ciao ciao Seconda Classe.

Il posto, intendiamoci, è davvero bello e coinvolgente, gli aspetti positivi sono molti ma, a mio avviso, è troppo grande la pecca di un tale ammassamento di gente -tipo che si ha pure difficoltà a portare il bicchiere alla bocca- per essere di mio gardimento…ed io ho affrontato, da vincitrice, le battaglie del Bella Gente i mercoledì di luglio e agosto, non so se mi spiego???!!

Image and video hosting by TinyPic Ci piace:

  • Wow, sembra una vecchia stazione
  • La musica è coinvolgente
  • Ti senti in un posto speciale, visto che tutto il mondo è qui il giovedì
Image and video hosting by TinyPic Non ci piace:

  • Gente schiacciata come sulla Metro a Milano all’ora di punta
  • Parcheggi inesistenti

Seconda Classe
Dove: Via Carlo Zima 9/A
Quando: Aperti tutte le sere dal 1 settembre al primo giugno escluso il lunedì
Info: 030 3753821 info@secondaclasse.it

/ 156 Articles

Barbara

Sono cremonese ma adottata da un piccolo paese a sud di Brescia: Capriano del Colle. Il mio lavoro è incentrato interamente sulla comunicazione. Vivo di parole, mi nutro di pensieri. Dedico questo blog alla mia fan più sfegatata, l’antesignana del coordinato scarpa/borsa, la teorica del rossetto rosso in ogni occasione, perché so che anche da lassù fa il tifo per me… Nonna Lina, grazie per avermi reso la donna che sono...

Leave a Comment

Your email address will never be published or shared and required fields are marked with an asterisk (*).

Connect with Facebook