Cena all’Urban Food

Barbara

Qualche tempo fa la mia amica Flavia mi ha suggerito un posto, mandandomi tanto di link per dare un’occhiatina, questo posto era l’Urban Food a Brescia. Visionando il sito me ne sono infatuata, l’ho inserito infatti fra gli “up” della mia rubrichetta settimanale su Bustling Town Cremona, con la promessa di andare di persona a sperimentarlo.

Ecco quindi che in un mercoledì sera qualunque decidiamo di uscire.
A dire il vero non è proprio un giorno qualunque, infatti mentre ci prepariamo alla tv annunciano il nuovo Papa. Ci fermiamo ad ascoltarlo incantati. Ci piace il suo sorriso, ci piace la sua semplicità, d’altra parte ha deciso di chiamarsi Francesco. Quando viene annunciata l’imminente benedizione “Urbi ed Orbi”, specificando che chiunque l’avesse ascoltata in automatico avrebbe ricevuto l’indulgenza plenaria, do uno spintone a Marco per metterlo bene in pole position per non fargli perdere neppure una virgola.. hihihi.

Per fortuna che ho prenotato per le nove e mezza, prima non saremmo riusciti ad arrivare, senza dubbio (Dio li fa e poi li accoppia?). Il posto è alle porte di Brescia, facile da raggiungere e con un bel parcheggio davanti.

dal web

Da fuori il ristorante sembra una casa qualunque.
Entriamo e mi sembra di essere in uno di quei posti milanesi super minimal e raffinati. Da subito noto dei legnetti sparsi sui tavoli e sul bancone del bar. Muoio dalla voglia di scoprire cosa sono. Ma devo attendere che ci facciano accomodare al nostro tavolo. Per essere un giorno infrasettimanale un po’ di gente c’è.

Il mistero dei legnetti: praticamente è una rivisitazione delle vecchie scritte sui tavolacci da osteria. Siccolme qui i tavoli sono tutti di vetro (o materiale liscio), gli ospiti possono lasciare su questi il proprio “segno”. Leggiamo di tutto, anche un… “sono un pelosetto” (???).

Il ragazzo che ci accoglie, ci porta al tavolo e ci fa scegliere il vino e la cameriera che ci serve sono gentili all’ennesima potenza, è tutto un chiedere “tutto a posto?”, “va bene così?”, ecc.

Il menù è il paradiso del consumatore consapevole. Alias tutte materie prime di prima scelta, preparazioni semplici e naturali (hanno un orto dove coltivano le verdure che utilizzano). Per stare nel mood della serata optiamo per un ottimo vino bio dinamico (Fattorie di Vaira). Non so esattamente cosa voglia dire ma suona benissimo.

Io scelgo un insalata di farro con pomodorini secchi, olive e capperi, e un secondo di pesce avvolto in una pasta strana (kataifi), con varie salsine. Marco le trofie alle zucchine con zucca e di secondo il loro famoso hamburger, quello piccolo. Nell’attesa ci offrono una vellutata di piselli con pezzetti di salmone marinato e sesamo.

Tutto molto buono e leggero. Come sempre il vino l’abbiamo seccato (ma perchè ci ostiniamo sempre a prendere pure l’acqua? per non fare brutta figura con il personale, ovvio!).

Marco dixit: abbiamo speso poco (in due 54 euro), ho mangiato bene e non sono appesantito, brava Ponzotti…

La Ponzotti e la sua insalata di farro
Image and video hosting by TinyPic Ci piace:

  • L’atmosfera minimal
  • I legnetti con le scritte
  • La semplicità dei piatti
Image and video hosting by TinyPic Non ci piace:

  • Sapori un po’ troppo delicati

Urban Food
Dove: Via Berardo Maggi 39 Brescia
Quando: Il ristorante è aperto a pranzo dalle 12 alle 15 e la sera dalle 19,30, il bar dalle 19,00. Il venerdì e sabato l’apertura sarà dalle 11 alle 02 di notte. La domenica l’apertura sarà dalle 11 alle 16 per il brunch e la sera per cena. Il giorno di chiusura è il martedì.
Info: www.urbanfood.it

/ 156 Articles

Barbara

Sono cremonese ma adottata da un piccolo paese a sud di Brescia: Capriano del Colle. Il mio lavoro è incentrato interamente sulla comunicazione. Vivo di parole, mi nutro di pensieri. Dedico questo blog alla mia fan più sfegatata, l’antesignana del coordinato scarpa/borsa, la teorica del rossetto rosso in ogni occasione, perché so che anche da lassù fa il tifo per me… Nonna Lina, grazie per avermi reso la donna che sono...

Leave a Comment

Your email address will never be published or shared and required fields are marked with an asterisk (*).

Connect with Facebook